Una promessa e una promessa

9510_604371806291658_1743469181_n

Al cellulare:

“Ciao, ti ricordi di me?”
“Certo che mi ricordo, come potrei dimenticarti.”
“Eheheh, esagerato.
“Serio.”
“Meno male che non hai cambiato numero.”
“Eh, si! L’unico e il solo.”
“E come stai?”
“Bene, grazie, tu?”
“Bene.”
“Dai, mi fa piacere,”
“Volevo chiederti una cosa.”
“Tutto quello che vuoi.”
“Ti ricordi di quando eravamo fidanzati?”
“Certo, eravamo giovani… e tu eri una meraviglia.”
“Ti ricordi che un giorno mi dicesti: Ti prometto sul mio amore che se a trentacinque anni nessuno dei due si fosse ancora sposato, ci sposeremo insieme?”
“…”
“Oggi è il mio compleanno.”
“Auguri.”
“Grazie.”

In una stanza:

“Come mi lasci?”
“Si, mi spiace.”
“Stai scherzando, dopo sette anni mi lasci così?”
“Si, ti lascio.”
“E perché?”
“Non credo ci sia bisogno che tu lo sappia.”
“Ma è uno scherzo vero?”
“No.”
“Mi dici per favore che cosa sta succedendo?”
“Ho fatto male i calcoli, me ne sono dimenticato, pensavo di farcela, ma ormai è troppo tardi.”
“Ma che cosa stai dicendo?”
“E poi dai, meglio così, in effetti noi non ci amiamo poi tanto.”
“Smettila per favore, cos’hai?”
“Ma si, eravamo sereni, ma felici, dico, felici, non lo siamo mai stati.”
“Ma come?”
“È tutto. Ho finito.”
“Oddio!”
“Addio.”

=

Al telefono:

“Pronto?”
“Pronto, ciao, ti ricordi di me?”
“Oh, ciao, cavolo! Che piacere sentirti!”
“Ricordavo il tuo numero a memoria.”
“Ma dai! Grande!”
“Eh, come stai?”
“Ancora dai miei. Tu?”
“Ti devo chiedere una cosa.”
“Dimmi.”
“Ti ricordi di quando eravamo fidanzati?”
“Certo, eravamo bambini… e tu mi facevi ridere.”
“Ti ricordi che un giorno mi dicesti: Ti prometto sul mio amore che se un giorno un uomo ti farà soffrire da morire basta che me lo dici e lo ucciderò per te?”
“…”
“Sniff!”
“Piangi?”
“Voglio morire.”

Illustrazione di King pritt.

One thought on “Una promessa e una promessa

Rispondi